Nella quarta parte , ho discusso del monitoraggio dell’utilizzo e della regolazione delle selezioni di backup come metodi di controllo potenziale dei costi, fornendo comunque protezione affidabile dei dati. Continuerò quella discussione in questa puntata aiutandoti a trovare dati duplicati.     

Esclusione della replica DFS e della deduplicazione dei dati dal backup dello stato del sistema 

I dispositivi basati su sistema operativo Windows Server con replica DFS o deduplicazione dati Windows sono configurati per il backup automatico di tali componenti. Queste selezioni potrebbero aumentare significativamente le dimensioni selezionate del backup dello stato del sistema. Se si desidera proteggere questi componenti, le dimensioni aumentate potrebbero andare bene. Ma la loro selezione potrebbe anche essere ridondante se i dati sono già selezionati come parte del backup di file e cartelle su questo o un altro dispositivo di backup protetto. Per identificare rapidamente i dispositivi di backup con selezioni DFS o Dedupe, è possibile cercare manualmente i dispositivi con una dimensione dello stato del sistema selezionata superiore a circa 70 GB o utilizzare il seguente filtro di ricerca avanzata .

 Espressione  Descrizione
 S3> 70.gibi ()  (Dimensione dello stato del sistema selezionata Maggiore di 70 Gigabyte)

 

È possibile deselezionare DFS e Dedupe modificando le selezioni dello stato del sistema nella scheda Backup di Gestione backup locale. I dispositivi di backup con lo stato del sistema impostato tramite un profilo dovranno averlo rimosso o regolato per mantenere le impostazioni locali prima di poter effettuare le esclusioni dello stato del sistema locale. 

Filtraggio dei percorsi di rete 

Sui dispositivi Mac e Linux, le condivisioni SMB / Samba montate possono essere visualizzate come parte del file system locale. Una volta connessi, queste condivisioni possono aumentare in modo significativo le dimensioni selezionate del backup totale. Per evitare che questi montaggi di rete vengano inclusi nel backup, è possibile deselezionare le rispettive condivisioni o impostare i filtri di esclusione. Consultare la documentazione per la propria specifica distribuzione MacOS o Linux per percorsi di montaggio alternativi o aggiuntivi.   

 Sistema operativo  Percorso di esclusione di esempio
 Mac OS  / Volumes / *
 Linux  / Mnt / *

Ignorare LocalSpeedVaults e seed drive 

Per impostazione predefinita, Gestione backup locale è abbastanza intelligente da identificare un’unità seed configurata o LocalSpeedVault, indipendentemente dal fatto che sia direttamente collegato o connesso tramite una condivisione di rete. Tuttavia, quando si apportano modifiche alla configurazione, si sposta o si ricollega questa unità seed o LocalSpeedVault su un altro sistema con un gestore di backup attivo, si esegue la possibilità che quel dispositivo veda accidentalmente il volume o la condivisione come dati da proteggere. È possibile impostare un filtro di esclusione locale, di profilo o basato su criteri per impedire il backup accidentale di un’unità seed o LocalSpeedVault. 

 Tipo di dati  Percorso di esclusione di esempio
 LocalSpeedVault & Seed Drives  * \ Storage \ cabs \ gen * \ *

Esclusione delle unità USB

I sistemi Windows considerano i dischi fissi dei dischi rigidi USB, il che significa che sono automaticamente inclusi quando si seleziona l’intero file system per il backup. Se si conoscono le lettere di unità che verranno assegnate, è possibile regolare le selezioni in modo da eseguire il backup solo di volumi specifici oppure è possibile impostare esclusioni per limitare le lettere di unità specifiche. Tuttavia, poiché le unità USB sono collegabili, potresti non conoscere la lettera dell’unità. In tal caso, avrai bisogno di un altro approccio per identificarli in modo dinamico ed escluderli dai tuoi backup. Con questo obiettivo in mente, ho progettato uno script PowerShell di esempio che è possibile utilizzare per inventario di un sistema e impostare esclusioni o chiavi di registro per impedire il backup dell’unità.  

Prevenire i backup dei backup

Potresti pensare che avere più applicazioni di backup sullo stesso sistema raddoppi il tuo livello di protezione. Ma in molti casi, in realtà ti costa più tempo, denaro e larghezza di banda e può effettivamente ridurre le possibilità di un backup riuscito. Ciò è dovuto a fattori quali pianificazioni sovrapposte, snapshot VSS di conflitto, gestione dei log non corretta e doppia elaborazione dei file di backup. In genere, se si dispone di una soluzione di backup funzionante, si consiglia di disabilitare la seconda. Per lo meno, impostare programmi per evitare sovrapposizioni ed escludere l’altra soluzione dall’elaborazione e dal backup dei file di destinazione del backup. Dovresti esaminare i tuoi dispositivi di backup, cercando applicazioni di backup legacy, dischi di dump, file tar, file nativi Windows, SQL .BAK e .BKF,       

Eric Harless è Head Nerd di Backup presso MSP SolarWinds. Eric collabora con SolarWinds Backup dal 2013 e ha oltre 25 anni di esperienza nel settore della protezione dei dati nelle vendite, supporto, marketing, ingegneria dei sistemi e gestione dei prodotti.

Puoi seguire Eric su Twitter all’indirizzo @backup_nerd

FONTE: Solarwinds MSP BLOG – BY Eric Harless

Traduzione N4B SRL – Distributore Autorizzato Solarwinds MSP