Affinché i fornitori di servizi gestiti (MSP) mantengano solide relazioni con i clienti, è ovvio che debbano fornire costantemente servizi affidabili. Per fare ciò, gran parte della fornitura di detti servizi può dipendere dall’utilizzo della larghezza di banda.

La qualità del servizio (QoS) è il processo di massimizzazione della larghezza di banda e delle prestazioni di una rete.

Le tecnologie coinvolte offrono inoltre agli amministratori la possibilità di assegnare la priorità a un determinato traffico rispetto ad altri mentre passa attraverso una rete aziendale. Una quantità significativa di pianificazione e coordinamento è necessaria per stabilire una QoS efficace e di successo, motivo per cui è importante avere una comprensione completa di quanto sia importante la QoS per i clienti.

Se ritieni che la tua rete stia affrontando problemi di latenza e larghezza di banda, le best practice QoS elencate in questa guida ti aiuteranno a utilizzare le tecnologie QoS per ottenere prestazioni migliori.

Cos’è QoS nel networking?

QoS è un insieme di tecnologie o funzionalità utilizzate per gestire l’utilizzo della larghezza di banda mentre i dati passano attraverso le reti di computer. Questa tecnologia viene spesso utilizzata come mezzo per proteggere le applicazioni di dati in tempo reale ad alta priorità. Per creare criteri QoS di rete end-to-end, le tecnologie QoS hanno ciascuna ruoli specifici che vengono utilizzati insieme.

I due metodi QoS più popolari e comuni per la gestione del traffico sono:

  • l’accodamento – La messa in coda crea buffer nei dispositivi che trattengono i dati da elaborare. Le code consentono la prenotazione della larghezza di banda e la priorità del traffico quando il traffico entra o esce da un dispositivo di rete. Quando le code non vengono svuotate al momento opportuno, interrompono il traffico ed eccedono.
  • la classificazione – La classificazione, d’altra parte, identifica e contrassegna il traffico in modo che i dispositivi di rete sappiano come dare la priorità ai dati quando passano attraverso una rete.

Altre due tecniche di QoS ampiamente utilizzate sono il controllo e la modellazione. 

Gli strumenti di controllo e modellazione limitano l’utilizzo della larghezza di banda definendo i tipi di traffico a livello amministrativo.

Lo shaping determina un limite impostato dal software sulla velocità di trasmissione della larghezza di banda per una determinata classe di dati. Quando è necessario inviare più traffico di quanto consentito dalla restrizione sagomata, il traffico in eccesso verrà bufferizzato. Il controllo applica un limite specifico alla larghezza di banda, il che significa che se le applicazioni tentano di utilizzare più larghezza di banda di quella allocata, il traffico verrà eliminato e contrassegnato nuovamente.

La tecnologia Weighted Random Early Discard (WRED) è una disciplina di accodamento che emette un meccanismo di prevenzione della congestione che elimina i dati TCP a un livello di priorità inferiore. WRED fa questo per evitare che la congestione abbia un impatto negativo sui dati con priorità più alta.

Infine, esistono tecnologie di compressione e frammentazione specifiche del collegamento.

Questi vengono utilizzati su WAN con larghezza di banda inferiore, garantendo che le applicazioni in tempo reale non siano influenzate da jitter e ritardi elevati.

Che tipo di traffico di rete richiede QoS?

QoS è importante per tutti i tipi di traffico, ma è particolarmente importante per quanto segue:

  • E-mail
  • Acquisti online
  • Applicazioni vocali e video
  • Applicazioni batch
  • Applicazioni interattive

Tutto il traffico richiede QoS ma i flussi UDP richiedono maggiore considerazione. Si tratta di flussi in tempo reale che non richiedono l’overhead necessario per i flussi TCP.

Best practice per QoS da considerare

1. ESEGUIRE UNA VALUTAZIONE DELLA RETE

L’esecuzione di una valutazione della rete è un primo passo cruciale perché informerà lo sviluppo delle successive politiche QoS. Una valutazione della rete fornirà informazioni preziose sullo stato attuale della rete e fornirà una base per il tipo di dati elaborati, nonché per quanto. Questo è il modo più rapido per identificare aree di congestione, configurazioni errate e qualsiasi altro problema di rete che potrebbe influire sull’efficacia della distribuzione QoS end-to-end. Una valutazione della rete potrebbe, ad esempio, aiutarti a identificare l’hardware obsoleto che deve essere aggiornato.

2. IDENTIFICARE IL TRAFFICO DI RETE PRIORITARIO

Dopo aver eseguito una valutazione della rete e documentato i risultati, il passaggio successivo consiste nel considerare quali tipi di traffico di rete hanno la massima priorità. Ciò includerà i tipi di traffico più importanti per la tua azienda, come i protocolli che eseguono attività di routing dinamico. È necessario classificare i flussi di dati in classi specifiche, in base al livello di priorità.

3. CLASSIFICARE I FLUSSI DI DATI SENSIBILI ALLA LATENZA

Il passaggio successivo consiste nel classificare i flussi di dati sensibili alla latenza, comprese  le conferenze vocali e video. È probabile che questo includa anche applicazioni critiche per le operazioni quotidiane della tua azienda. Continuare questo processo di classificazione fino a raggiungere i flussi di dati che la valutazione della rete ha identificato come non essenziali. La navigazione generale del sito Web, ad esempio, potrebbe essere collocata nella categoria non essenziale.

4. LA CATEGORIZZAZIONE DOVREBBE COINVOLGERE I LEADER AZIENDALI

Questa è una best practice di QoS fondamentale ma spesso trascurata. Sebbene sia utile coinvolgere gli amministratori di rete nel processo di categorizzazione, è di fondamentale importanza che i leader aziendali guidino la categorizzazione delle applicazioni. I leader aziendali saranno in grado di fornire informazioni su quali applicazioni sono veramente essenziali, mentre gli amministratori di rete possono solo essere in grado di speculare.

5. CONSIDERARE L’ELIMINAZIONE DEI FLUSSI DI DATI NON ESSENZIALI

Se scopri che determinati flussi di dati non sono essenziali, dovresti rimuovere completamente questi flussi di dati. L’eliminazione di questo traffico significa che non è necessario utilizzare QoS per eliminare questo traffico in caso di congestione. Ciò può alleviare i vincoli di larghezza di banda senza la necessità di QoS.

6. APPLICARE CLASSI QOS

Dopo aver suddiviso i flussi di dati in categorie in base ai requisiti di importanza e latenza, sarà necessario assegnare queste applicazioni a una delle diverse classi. Una classe QoS fa riferimento alla configurazione dei criteri eseguita su router e switch di rete.

7. MENO È MEGLIO

In questa fase potresti essere incline a configurare un array di classi QoS per definire meticolosamente i criteri QoS per ogni tipo di flusso di dati. In questo caso, tuttavia, meno è meglio. Uno dei motivi per cui la gestione della QoS è così complessa è l’enorme quantità di tempo e risorse necessarie per mantenere ogni classe e le politiche associate. Meno classi crei, più facile sarà il processo di distribuzione e manutenzione continua.

8. APPLICARE IDENTIFICATORI DI CLASSE QOS

È consigliabile identificare e contrassegnare il traffico di rete con uno specifico identificatore di classe QoS il più vicino possibile al dispositivo di origine. In alcuni casi, l’applicazione potrebbe essere in grado di taggare i pacchetti per tuo conto, nel qual caso devi fidarti del processo di marcatura della classificazione. In altri casi, è possibile configurare le porte dello switch di accesso alla rete in modo che possano identificare i dati e contrassegnarli mentre esce dallo switch. Queste attività aumenteranno la domanda sia di RAM che di potenza di elaborazione. Pertanto, è anche importante monitorare l’utilizzo della CPU e della memoria una volta che una distribuzione QoS è stata implementata in produzione.

9. EVITA I MAL DI TESTA POLITICI

Poiché la QoS richiede la priorità di determinate attività rispetto ad altre, potresti incorrere in ripercussioni politiche all’interno della tua organizzazione. Per ridurre al minimo l’impatto degli ostacoli non tecnici all’implementazione, è importante affrontare le questioni politiche e organizzative il prima possibile. Per evitare controversie, tieni aperte le linee di comunicazione in modo che tutti siano sulla stessa pagina.

10. RICORDA CHE QOS NON È UNA CONFIGURAZIONE UNA TANTUM

È importante tenere presente che la gestione della QoS è un processo continuo. Dovrà essere monitorato attentamente e verificato regolarmente per garantirne il corretto funzionamento. È necessario eseguire regolarmente valutazioni della rete su base annuale in modo da poter identificare eventuali modifiche nei flussi di dati e nell’utilizzo dell’applicazione.

11. IMPLEMENTARE LE MODIFICHE NECESSARIE

Questa best practice è come la best practice precedente, ma sottolinea anche non solo il monitoraggio, ma anche le modifiche necessarie. Quando si effettuano valutazioni di rete future, è necessario utilizzare le informazioni acquisite per eseguire aggiornamenti di rete e riclassificare le applicazioni e le politiche QoS ove appropriato. Ricorda che dovresti pensare a QoS come fluido, non statico.

Il miglior software QoS per MSP

Per uno strumento all-in-one robusto che funge anche da soluzione QoS, non guardare oltre SolarWinds ® Remote Monitoring and Management (RMM) .

Questo software dispone di uno strumento chiamato NetPath  , che assiste gli amministratori di rete nel miglioramento della QoS. Leggi qui l’articolo correlato relativo alle FAQ su NetPath

La funzionalità NetPath utilizza il sondaggio avanzato per rilevare il percorso di rete da un server di origine a un servizio di destinazione, anche quando traceroute non è in grado di farlo. Questo ti offre una visibilità approfondita sui percorsi di rete critici, siano essi locali, fuori sede o in un ambiente IT ibrido. NetPath ti aiuta a risolvere gli hot spot lungo l’intera catena di distribuzione, in modo rapido ed efficiente.

NetPath offre anche prestazioni avanzate e funzionalità di monitoraggio QoS, avvisandoti delle interruzioni prima che abbiano un impatto sugli utenti. Con NetPath, SolarWinds RMM raccoglie le metriche delle prestazioni e le informazioni sulla connettività di rete tra i nodi di origine e di destinazione. Questo ti dà una visione delle prestazioni end-to-end sperimentate da un utente e ti avvisa quando la perdita di pacchetti e le soglie di latenza vengono superate.

SolarWinds RMM offre anche le informazioni sui nodi e sugli hop della funzionalità NetPath, un gestore di backup e ripristino in linea e molto altro ancora. RMM è facile da usare e presenta una dashboard dinamica progettata per semplificare l’esperienza di raccolta e monitoraggio dei dati.

Per gli MSP interessati a saperne di più su Solarwinds RMM è disponibile una prova gratuita di 30 giorni

 

FONTE: Solarwinds MSP BLOG

Traduzione: N4B SRL – Distributore Autorizzato Solarwinds MSP