Una delle cose più comuni di cui gli MSP vogliono parlare mentre crescono è come strutturare i loro team. Per molti di voi, specialmente per quelli che hanno appena iniziato, e che non avete squadre da strutturare. Allora come si fa a fare tutto?

La soluzione è di iniziare trattando il tempo come se fossero persone da gestire: dividi il tuo tempo per coprire compiti diversi, proprio come divideresti una squadra per gestire i compiti.

Di seguito sono riportate le aree chiave da considerare e come stabilire le priorità:

1. Lavoro tecnico

Proprio come dividi l’helpdesk e il NOC in livelli, devi dedicare a ciascuno una certa quantità di tempo durante il giorno. Il pericolo più grande è commettere un errore durante un lavoro complesso perché sei stato interrotto da un’attività di primo livello. Se hai bisogno di dedicare un’ora a un’attività di terzo livello, disattiva le notifiche o metti il ​​telefono in modalità “non disturbare” in modo da poterti concentrare sul lavoro importante.

Per facilitare questa operazione su base giornaliera, prova a pianificare le attività di livello tre e le attività di livello uno e due non urgenti in blocchi di due ore. In questo modo, trascorrerai solo un massimo di due ore senza rispondere a un nuovo ticket. Puoi anche farlo in un annuncio di servizio pubblico con un “container mattutino” e un “container pomeridiano”. Queste sono code o bacheche in cui puoi inserire i tickets dopo la risposta iniziale. È quindi possibile bloccare il tempo per lavorare quei lotti al mattino o al pomeriggio. La chiave è lavorare sulle cose giuste al momento giusto.

Ci saranno sempre emergenze, quindi nessuna pianificazione avanzata sarà mai perfetta. Ma se funziona l’80% delle volte, ti aiuterà a risolvere i tuoi tickets in modo efficiente e con la giusta priorità.

2. Lavoro di back office

Il lavoro di back office è importante, ma non urgente, poiché ci saranno sempre problemi con i clienti che sembrano più importanti. Per alcuni di noi, c’è sempre la necessità di svuotare la coda infinita dei tickets ancora aperti. Non possiamo farci niente. Tuttavia, le conseguenze per non fatturare, non pagare le bollette e ignorare cose come le dichiarazioni dei redditi possono avere un effetto devastante anche sulla tua attività.

Molti di noi dicono che utilizzeremo i tempi di inattività per lavorare su queste cose. Il problema è che i tempi di inattività non sembrano arrivare quasi tutti i giorni. Quindi, di nuovo, devi prepararti per il successo programmando questo tempo e proteggendolo. Un’altra opzione adottata da molti imprenditori è programmare questo tipo di lavoro al di fuori della giornata lavorativa dalle 9 alle 17.

Nota, ho ancora detto che dovresti programmarlo. A differenza del lavoro tecnico sopra, puoi affidare gran parte di questo lavoro a un contabile o contabile, valutandone prima l’impatto economico di questa soluzione.

3. Marketing e vendite

Un altro lavoro importante e non urgente che molti MSP temono è acquisire nuovi clienti. Se vuoi far crescere la tua attività, questa attività non è facoltativa. La maggior parte degli MSP è brava a concludere una vendita se può semplicemente mettersi di fronte ai clienti. Pertanto, il marketing è il pezzo su cui inciampiamo di più. Ciò è principalmente perché non ci impegniamo in modo coerente.

Ti consiglio di dedicare un giorno intero, una volta ogni trimestre, a pianificare il tuo marketing per il trimestre successivo. Mettilo su un calendario ed esegui secondo quel calendario. Molte cose come le campagne e-mail e i post sui social media possono essere impostate in poche ore una volta al mese e pianificate e gestite tramite soluzioni di marketing automation per essere eseguite nel corso del mese.

Conclusione

La maggior parte della strategia si riduce all’intenzione di programmare il tuo tempo e poi proteggerlo. Crea sistemi attorno ai tuoi  strumenti di gestione e monitoraggio remoto ( RMM ) e gestione dell’Help Desk e dei tickets ( PSA) per raggruppare i tuoi ticket in bucket che abbiano senso per il tuo flusso di lavoro.

Inoltre, cerca di spostare le attività critiche ma non urgenti al di fuori della giornata lavorativa dalle 9 alle 17 per evitare le inevitabili interruzioni. Ancora più importante, se dedichi tempo a fare qualcosa, assicurati di farlo.

FONTE: SolarWinds MSP BLOG

Traduzione ed adattamento: N4B SRL – Distributore Autorizzato SolarWinds MSP